BULGARIA

La Bulgaria è stata la culla di alcune delle prime civiltà europee, qui si sono succeduti i Traci, i Greci e per finire i Romani. È un paese piccolo ma ha un notevole numero di siti patrimoni mondiale dell’UNESCO. Stazioni sciistiche, spiagge, città medievali, monasteri, grotte e tombe del III secolo a.C.

E’ un paese molto bello, con scenari meravigliosi e ricco di storia.

I bulgari possono essere molto amichevoli e accoglienti, tuttavia la cordialità non è, nella maggior parte dei casi, autentica ma sempre interessata.

Però, se fate vere amicizie con le persone, queste faranno di tutto per voi. I bulgari possono essere persone estremamente generose e disponibili se vi conoscono abbastanza bene.

Molti bulgari attribuiscono un valore elevato alle buone maniere (o alle formalità pubbliche), ma ciò è superficiale in quanto la maggioranza non è né educata né premurosa.

Danno un valore molto elevato alle apparenze e sarete giudicati inevitabilmente in base al vostro aspetto.

I bulgari per loro natura sono fortemente sospetti. La loro storia recente li ha segnati. Gli anni ’90 sono stati un periodo di totale anarchia quando lo Stato è crollato ed i gangster hanno governato impunemente. L’incertezza ha sostituito la certezza e le truffe erano all’ordine del giorno.

Anche al giorno d’oggi esiste una corruzione diffusa e le leggi si applicano solo alle persone comuni, i ricchi o potenti vivono al di sopra di leggi o regolamenti.

I bulgari pongono grande enfasi su onomastici, compleanni e altre ricorrenze che vengono celebrati e festeggiati con notevole partecipazione.

Il ritmo della vita qui è molto più lento rispetto all’Europa occidentale.

In generale, i bulgari accolgono favorevolmente gli stranieri e li trattano bene. Ma se volete vivere e lavorare in Bulgaria preparatevi a combattere contro le stupide regole burocratiche del governo e delle autorità locali.

Per uno straniero che desidera stabilirsi in Bulgaria, consiglierei alcune delle grandi città come: Sofia, Plovdiv o Varna dove più persone parlano inglese e sono più aperte. Ed esistono maggiori opportunità di lavoro.

Il miglior consiglio che posso dare, come del resto nella maggior parte dei paesi, è quello di imparare la lingua. Anche se non parlerete perfettamente il bulgaro, vi si apriranno molte porte e vi semplificherete la vita.

La Bulgaria è considerata uno dei paesi più economici d’Europa. La valuta ufficiale è il lev.

Ma nelle grandi città bulgare il costo della vita sta rapidamente salendo.

C’è ancora tanta povertà nel paese. Molte persone lavorano per stipendi molto bassi (250 – 300 €/mese) soprattutto fuori dai grandi centri.

Il settore edilizio è in piena espansione e molti appartamenti sono in fase di costruzione perché i prezzi degli immobili sono in continua ascesa, soprattutto nella capitale.

Per vivere comodamente a Sofia dovrete contare su un reddito mensile di superiore ai 1000 €. Nella capitale i prezzi del cibo sono alti, ma in alcuni mercati potete trovare prodotti a prezzi molto ragionevoli. Oppure potete andare fuori dalla capitale e acquistare verdure direttamente dagli agricoltori con notevole risparmio.

Le infrastrutture si stanno sviluppando ogni anno in misura maggiore. A Sofia il sistema tram / metropolitana funziona bene.

La capitale ha visto enormi miglioramenti negli ultimi anni. Ampliamento della rete metropolitana. Sostituzione di vecchi tram. Molte strade del centro sono state rinnovate.

Se avete un’auto tenete presente che parcheggiare nella città di Sofia è un grande problema. Ci sono troppe auto in cerca dei pochi parcheggi disponibili.

Le abitudini di guida bulgare sono spaventose. Il loro stile di guida è un misto fra l’incosciente e l’incapace. Hanno il più alto tasso di mortalità su strada della UE. Molti autisti non si curano delle regole stradali perché, anche, nel caso venissero fermati dalla polizia sapranno come cavarsela con una bustarella.

La Bulgaria è caratterizzata da un’eccellente qualità dell’istruzione universitaria e ha anche un numero sorprendente di università in relazione alla popolazione esistente.

Ciò implica alcuni vantaggi per gli studenti internazionali, tra cui: classi con pochi studenti e pochi requisiti per l’accesso. Inoltre, poiché questo paese appartiene all’Unione Europea, tutti i crediti acquisiti sono riconosciuti su tutto il territorio europeo.

Le sue università includono flessibilità e supporto per gli studenti stranieri. Esistono anche corsi di laurea interamente in inglese.




Il sistema sanitario in Bulgaria è teoricamente gratuito. Anche se la corruzione dei medici è ben nota. Gli ospedali pubblici sono scarsamente attrezzati e alcuni in condizioni veramente pietose. In alternativa, ci sono anche ospedali privati ​​che hanno buoni standard.

Il clima è tipicamente continentale ed a Sofia le estati sono molto calde e gli inverni rigidi. Gli inverni possono avere temperature inferiori a -25 C. Le estati possono toccare i 40 C.

Cibo e bevande sono molto economici. Certamente la cucina non è di alta qualità ma commestibile.

In generale il paese è molto sicuro. Di notte anche i sobborghi delle grandi città sono calmi e sicuri. Le persone sono amichevoli e generalmente vi offriranno aiuto se vedono che ne avete bisogno.

Negli ultimi anni si è assistito non solo ad una fuga di cervelli ma anche di molti lavoratori qualificati o semi qualificati che lasciano il paese in cerca di una retribuzione più elevata o di una vita migliore altrove.

Nonostante l’economia sia in crescita e la disoccupazione sia piuttosto bassa, non sono sicuro che valga la pena cercare un lavoro in Bulgaria. Circa 1,5 milioni di bulgari lavorano all’estero perché i salari nel paese sono molto bassi e difficilmente si riesce a far quadrare i conti. Lo stipendio minimo mensile è di poco superiore ai 200 €, la media è di 400–500 € al mese.

La Bulgaria è una delle economie più povere dell’UE. Le paghe sono generalmente insufficienti e il tenore di vita per il lavoratore medio è molto basso.

Il mercato del lavoro bulgaro è veramente difficile e l’unico modo per ottenere un reddito decente è quello di lavorare nel settore IT per un’azienda internazionale, o essere un libero professionista. Molti bulgari istruiti lavorano nel settore IT, che è enorme e riescono a percepire uno stipendio decente che gli permette di vivere bene.

La maggior parte dei bulgari si trasferisce a Sofia o all’estero, perché trovare lavori decenti nel resto del paese è molto complicato.

Sofia è diventata un centro di outsourcing. Molte aziende internazionali di outsourcing, come Experian, Sutherland, Telus, solo per citarne alcune, si trasferiscono qui approfittano della tassazione (10%), dei salari bassi e delle competenze elevate della forza lavoro.

Le migliori opportunità di lavoro sono nelle città più grandi, come Sofia, Plovdiv e Varna.

Il settore del turismo si sta rapidamente sviluppando ed offre interessanti opportunità di lavoro, è necessario avere esperienza nel settore e una padronanza delle lingue straniere.

Visti i salari bassi e la semplicità nel fare impresa (la Bulgaria è al 50° posto su 190 della classifica “Doing Business”, che indica la facilità di un paese per fare affari. Questo potrebbe far pensare che si tratti di una nazione ideale per creare nuove aziende e farle crescere.

Ma alla fine si avranno sempre problemi con le autorità fiscali, indipendentemente dal fatto che si rispetti pienamente la legge e bisognerà ricorrere al sistema delle bustarelle.




Vivere in Bulgaria, Pro:

– costo della vita relativamente basso

– natura e paesaggi incantevoli

– istruzione di buon livello

Vivere in Bulgaria, Contro:

– infrastrutture in cattivo stato di manutenzione, anche se recentemente è stato fatto molto

– burocrazia, esistono ancora procedure di stile sovietico vecchio, goffo e insensato

– corruzione presente a tutti i livelli

– welfare assente

– stipendi bassi

Concludendo direi che  Bulgaria si trovano cose negative come: la sua cattiva classe dirigente e la corruzione ancora presente a tutti i livelli ma anche cose buone come: natura, bassi tassi di criminalità e cibo ancora naturale.

ultimo aggiornamento 28/05/2020