CIPRO

Cipro è un’isola divisa in due, il sud ospita i ciprioti greci e il nord ospita i ciprioti turchi. Quella che noi conosciamo come Repubblica di Cipro è la parte greca a sud, mentre il nord è lo stato “indipendente” della Repubblica turca di Cipro (riconosciuto solo dalla Turchia). Nicosia stessa è divisa in due. Metà della città è nel sud greco e l’altra metà nel nord turco.

L’isola è sostanzialmente una città. La popolazione totale supera di poco il milione di abitanti, è difficile trovare un edificio più grande di cinque piani.

L’estate è estremamente calda e può anche essere umida, con temperature ben oltre i 30° C nei mesi di luglio e agosto e di solito anche giugno e settembre. Ma gli inverni sono miti, senza neve se non in montagna.

Anche se ci sono spettacoli teatrali, gallerie e varie altre iniziative a Cipro manca ancora una vera e propria vita culturale durante tutto l’anno.

Le persone sono amichevoli anche se hanno perso, in parte, la vera ospitalità originale che avevano qualche decennio fa, specialmente nelle città, sebbene siano ancora molto disponibili.

I ciprioti oltre che aperti e gentili sono estremamente rilassati e adorano fare una bella chiacchierata. Pertanto gli orari diventano estremamente variabili: “domani” può significare “fra una settimana”, o addirittura “il mese prossimo”.

L’ isola è piccola e tutti si conoscono. La cultura locale si basa ancora sui rapporti umani diretti, tutti sanno tutto, chi siete, dove vivete e cosa fate.

Nonostante i ciprioti siano abbastanza amichevoli è difficile per gli stranieri stringere profonde amicizie con loro. Anche se l’inglese è estremamente diffuso è opportuno che facciate uno sforzo per imparare la lingua (sono disponibili corsi quasi gratuiti di greco finanziati dal governo) e a quel punto vedrete un cambiamento totale nell’atteggiamento della gente e vi sarà molto più facile instaurare rapporti.

I ciprioti sono mediterranei e questo si riflette fortemente sulla loro cultura del lavoro: sono più rilassati e meno stressati rispetto alla media europea.

I ciprioti sono abituati a lavorare con gli stranieri, quindi l’uso dell’inglese è molto diffuso.

In media esiste un buon equilibrio tra vita professionale e vita privata.

I settori in cui è più facile trovare impiego a Cipro sono:

Servizi finanziari (commercialisti, revisori contabili, broker, forex, professionisti finanziari, ecc.), i servizi finanziari sono un settore importante per Cipro con un gran numero di persone occupate e con molti clienti (e lavoratori) non ciprioti. I servizi finanziari sono concentrati a Limassol e Nicosia.

Settore turistico (hotel, ristoranti ecc.), questa è l’altra grande industria dell’isola. Cipro fa molto affidamento sul turismo e l’industria del turismo attira anche molti lavoratori stranieri e sebbene ci siano diverse opportunità di lavoro, gli stipendi sono generalmente bassi. In molti dei lavori stagionali disponibili nel settore del turismo viene richiesta la conoscenza delle lingue estere (russo, greco e inglese sono le lingue più richieste).

Pubblico impiego, altro settore importante, con molti ciprioti che lavorano nel servizio pubblico. A differenza dei servizi finanziari o del turismo, questo settore impiega quasi esclusivamente ciprioti.

A tal proposito vi segnalo questa bacheca di annunci che contiene anche offerte di lavoro relative a Cipro




Vivere a Cipro: pro

– Clima ottimo, estati calde e inverni miti

– Natura molto bella, spiagge sabbiose, mare blu e montagne. Tutto a portata di mano (in inverno si può fare un bagno e nel giro di 30 minuti ci si può spostare a fare snowboard in montagna)

– Persone accoglienti

– Sicurezza elevata e bassi tassi di criminalità

– Costo della vita  basso

Vivere a Cipro:contro 

– Trasporto pubblico carente

– Doppio regime di prezzi per locali e turisti

– Mentalità chiusa su diversi temi (omosessualità, chiesa, politica, ecc.)

Vivere a Cipro è estremamente rilassato e molto piacevole, soprattutto, in estate. Con clima buono e spiagge incredibilmente belle. Le persone sono amichevoli e il cibo è una parte importante della cultura delle persone. Qui la gente non mangia per vivere, ma vive per mangiare. La qualità del vivere è buono, la vita è semplice e le distanze sono brevi.

In inverno può diventare un po’ ‘noioso e ripetitivo, ma dipenda dal tipo di stile di vita che cercate.

ultimo aggiornamento 29/01/2020